logo Museo Etnografico

Il Museo Etnografico "Regole d'Ampezzo"
riga

 

primo piano
Primo piano. Cliccare sulle aree sensibili della mappa per visualizzare i contenuti delle diverse sezioni

 

 

piano ingresso Piano ingresso

 

 

piano seminterrato Piano seminterrato

 

Il turismo
riga

Nella seconda metà dell’Ottocento le Dolomiti, con il loro paesaggio ancora sconosciuto, divennero meta privilegiata della borghesia inglese e tedesca.
I primi visitatori, naturalisti e geologi, scoprirono le montagne e la suggestione del paesaggio.

I cacciatori di camosci,che da sempre inseguivano le loro prede lungo cenge e cime, divennero le prime guide alpine autorizzate.
Alla fine del XIX secolo vennero edificati i primi alberghi. La costruzione della ferrovia della Pusteria nel 1871 e della strada delle Dolomiti nel 1909 portarono flussi sempre maggiori di visitatori.

Per tutto il XIX secolo la stagione estiva rappresentò l’unico momento di contatto della comunità ampezzana con i forestieri. Gli altri mesi continuarono ad essere scanditi dal ritrovarsi nelle stue per socializzare, dalle funzioni religiose, dalla cadenza dei lavori contadini.

Nei primi decenni del Novecento l’economia del paese iniziò a diversificarsi. Stavano aumentando le persone al servizio del turismo: personale d’albergo, guide alpine, trasportatori e negozianti.
Nel 1894 giunsero a Cortina i primi sci: un paio di doghe di frassino con legature di vimini per gli scarponi. Altri sci saranno realizzati in seguito dagli artigiani locali.
Il turismo invernale, interrotto solo durante i Conflitti Mondiali, conobbe uno straordinario sviluppo, coronato dalle Olimpiadi del 1956. Da quella data il turismo modificò radicalmente l’economia delle famiglie ampezzane, che abbandonarono progressivamente l’attività contadina.