logo Museo Etnografico

Il Museo Etnografico "Regole d'Ampezzo"
riga

 

primo piano Primo piano

 

 

piano ingresso Piano ingresso

 

 

piano seminterrato
Piano seminterrato. Cliccare sulle aree sensibili della mappa per visualizzare i contenuti delle diverse sezioni

 

Eleganza senza tempo
riga

Il vestito tradizionale ampezzano, ancora oggi indossato, nelle sue fogge rivela una comunità alpina legata alla tradizione, ma anche aperta alle influenze della moda cittadina.
Elementi comuni a tutte le varianti del costume femminile sono él ciameşòto, una gonna arricciata di pesante stoffa nera, cucita ad un corpetto senza maniche e él palegrèn, un grembiule in seta colorata.

Ra magnes
È il costume indossato nelle cerimonie religiose e civili. Una giacca nera con maniche arricciate e ornate di raso lascia ammirare sulla scollatura un tulle ricamato a mano, simbolo dell’abilità della donna. Il cappello è ornato con larghi nastri che scendono lungo la schiena e con graziose piume di struzzo, influenza della moda cittadina dei primi del Novecento.

Ra varnaza
È un vestito allegro dai colori freschi e vivaci, indossato in primavera ed estate. Il grembiule in seta con motivi floreali è abbinato a un fazzoletto con frange, piegato a triangolo e drappeggiato; la camicia bianca è rifinita sulle maniche con preziosi merletti a uncinetto e nastri in tinta.

Ra jàida
È l’abito che le donne portavano solitamente d’inverno, esprime un’eleganza severa. È caratterizzato da una giacca nera alla coreana con abbottonatura maschile e da un grembiule con motivo rigato.

A ra vecia
È il vestito più antico, risalente alla fine del Settecento. Nell’apertura a V del corpetto si inserisce la pèza da sén, forma di stoffa rigida ricamata. La camicia bianca è chiusa alla coreana e sopra le maniche si usano mezze maniche di tessuto lavorato o velluto in tinta con il grambiule. L’abito si completa con una giacca di panno rosso, camijòla, e un cappello a cilindro nero con nastro pendente sul lato sinistro.