logo Rimoldi
versione inglese

Museo d'Arte Moderna "Mario Rimoldi"
riga

Il Museo è stato inaugurato nel 1974 a seguito della cospicua donazione pervenuta alle Regole d'Ampezzo da parte di Rosa Braun, vedova di Mario Rimoldi, collezionista di Cortina d'Ampezzo.

Artisti come de Pisis, De Chirico, Sironi, Campigli e Music, frequentatori della conca ampezzana, instaurano con il collezionista una fruttuosa amicizia.
Nel 1941, quando si apre a Cortina la prima Mostra Internazionale del Collezionista, la collezione di Mario Rimoldi è già delineata: spiccano gli splendidi de Pisis, i Morandi, i Semeghini, i Rosai, i Campigli, i Sironi, il Garbari, il Severini, il Tosi e il Guidi.
Nel dopoguerra entrano nella collezione le opere sperimentali di artisti già rappresentati con quadri figurativi. Il collezionista s'interessa ad artisti legati al filone figurativo e all'ambiente veneto, come Cadorin, Cesetti, Saetti, Tomea e Depero, con aperture anche verso nuovi movimenti che si vanno formando fuori dal Veneto. La collezione si arricchisce de La Zolfara di Guttuso e di opere dei protagonisti della nuova sperimentazione, come Corpora, Crippa, Dova, Morlotti, Music, Santomaso, Vedova. Scopre anche artisti stranieri, come Kokoschka, Leger, Villon, Zadkine, e si accosta ai protagonisti delle neoavanguardie, agli astratti degli anni Cinquanta.

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha dichiarato la collezione di interesse culturale per essere l'esito di un'attività collezionistica sviluppatasi in un cinquennio e tale da costituire uno degli insiemi più significativi in Italia per l'arte del XX secolo; per la presenza di alcuni capolavori di autori come Savinio, Garbari, Depero, Guttuso e di alcuni consistenti nuclei che risultano imprescindibili per lo studio di de Pisis, Sironi, De Chirico, Semeghini, Tomea, Tosi, Campigli.

Nell'esposizione permanente spiccano la Chiesa di Cortina e il Soldatino francese di de Pisis, le Bagnanti di Carena, lo Squero di San Travaso di Semeghini, la Zolfara di Guttuso, il San Sebastiano di Garbari, l'Ile des charmes di Savinio e il Concerto di Campigli.

è funzione del museo conservare, valorizzare e promuovere la collezione, divulgare la figura del collezionista Mario Rimoldi e promulgare l'interesse per l'arte del Novecento italiano. Il museo collabora con prestiti a mostre temporanee di importanti istituzioni in Italia e all'estero.

 

Newsletter
riga

  • riga

  • logo Piattaforma MQuadroPiattaforma multimediale MQUADRO

    Il concorso è rivolto agli studenti degli istituti scolastici di Cortina d’Ampezzo e della Valle del Boite con età compresa fra gli 11 e i 19 anni, e ai ragazzi della medesima età residenti a Cortina d’Ampezzo e non frequentanti gli istituti scolastici. La finalità è di stimolare la produzione di disegni in bianco e nero che abbiano a tema alcuni elementi floristici della flora locale, traendo libero spunto da fotografie di piante e fiori, opere pittoriche di autori noti, passeggiate e uscite sul territorio.
    La proposta si inserisce in un progetto che il Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo, assieme ai Musei delle Regole d’Ampezzo, intendono attuare fra il 2016 e il 2017, esponendo presso le sale del Museo d’Arte Moderna “Mario Rimoldi” opere di grandi artisti incentrate sul tema della flora e, nel contempo, riservando uno spazio ad artisti locali di giovane età che intendano cimentarsi con il disegno artistico di elementi naturali.
    Al fine di incentivare l’adesione a questa proposta, le Regole dedicheranno uno spazio apposito all’interno del Museo d’Arte Moderna “Mario Rimoldi”, nel quale esporranno i lavori selezionati per tutta la durata della mostra, e forniranno gratuitamente ai concorrenti il materiale cartaceo su cui lavorare.
    Le opere presentate verranno esaminate e selezionate da un’apposita commissione, che le Regole stesse istituiranno. Per ulteriori informazioni si rimanda al Bando del Concorso

    Visto il positivo riscontro dell’iniziativa, le Regole d’Ampezzo propongono un nuovo corso di pittura del paesaggio. Maestri, gli artisti Paolo Barozzi e Gianni Segurini.

    Gli incontri si svolgeranno presso la sala espositiva delle Regole, alle ore 20.30, nelle seguenti giornate: 17,20,24,27 maggio.

    Tempo permettendo, il 29 maggio sarà organizzata anche una giornata di pittura “en plein air” con luogo da definirsi.

    Le iscrizioni al corso si effettuano presso gli uffici delle Regole (0436-2206). Costo d’iscrizione: 20,00 euro

    QUADRI MUSICALI

    logo news

    L'EMOZIONE DELLA VERTIGINE. CAPRI-CORTINA

    L'Isola Azzurra e la Regina delle Dolomiti, due mondi così lontani eppur così vicini, saranno raccontati dalle immagini dell'artista Massimo Siragusa al primo piano del Museo Rimoldi.

    Il percors

    OPERE DELLA COLLEZIONE ESPOSTE A RAVENNA

    Quattro opere del museo d'arte moderna Mario Rimoldi sono esposte fino al 26 giugno a Ravenna alla mostra La seduzi

    Regole d'Ampezzo - Via Mons. P. Frenademez, 1 - I-32043 Cortina d'Ampezzo - Codice fiscale e partita IVA 00065330250